Il Diplomato in Agraria-agroalimentare e agroindustria, articolazione “gestione dell’ambiente e del territorio” ha competenze nel campo dell’organizzazione della gestione delle attività produttive, trasformative e valorizzative del settore, con attenzione alla qualità dei prodotti ed al rispetto dell’ambiente; interviene, altresì, in aspetti relativi alla gestione del territorio, con specifico riguardo agli equilibri ambientali e a quelli idrogeologici e paesaggistici.

Triennio
Agraria, Agroalimentare e Agroindustria

Gli obiettivi

Il Diplomato in Agraria-agroalimentare e agroindustria. In particolare, è in grado di:

  • Collaborare alla realizzazione di processi produttivi ecosostenibili, vegetali e animali, applicando i risultati delle ricerche più avanzate; controllare la qualità delle produzioni sotto il profilo fisico-chimico, igienico ed organolettico;
  • Individuare esigenze locali per il miglioramento dell’ambiente mediante controlli con opportuni indicatori e intervenire nella protezione dei suoli e delle strutture paesaggistiche, a sostegno degli insediamenti e della vita rurale;
  • Intervenire nel settore della trasformazione dei prodotti attivando processi tecnologici e biotecnologici per ottenere qualità ed economicità dei risultati e gestire, inoltre, il corretto smaltimento e riutilizzazione dei reflui e dei residui;
  • Controllare con i metodi contabili ed economici le predette attività, redigendo documenti contabili, preventivi e consuntivi, rilevando indici di efficienza ed emettendo giudizi di convenienza;
  • Esprimere giudizi di valore su beni, diritti e servizi.

Triennio
Agraria, Agroalimentare e Agroindustria

Competenze attese

Il Perito Agrario è un tecnico polivalente che può svolgere diversi tipi di attività presso aziende agrarie, associazioni, enti, ditte commerciali, amministrazioni, industrie agrarie ed alimentari, laboratori.
Avvalendosi di una formazione che comprende conoscenze, tecniche e metodi d’intervento, il P.A. può affrontare problematiche legate all’ambiente civile, rurale o protetto, può intervenire in tutti i processi di produzione, trasformazione e valorizzazione dei prodotti agricoli nonché, proprio per la qualifica di perito di cui si fregia, esprimersi in merito agli aspetti legati alla valutazione e gestione economica dei prodotti e dei beni, ivi comprese perizie per tribunali o perizie per assicurazioni.
Il titolo di P.A. è inoltre “preferenziale” per l’inserimento nelle carriere di alcune Corpi Militari dello Stato: in primis nel Corpo Forestale, dove la natura stessa della professione prevede una preparazione spiccatamente “agraria”; nell’Arma dei Carabinieri, dove il corpo speciale dei NAS presiede alla tutela della salute pubblica (campo alimentare) e dell’ambiente con ovvie specializzazioni nei settori e dove la preparazione conseguita presso l’Istituto è di sicuro aiuto.